Deduzione della rendita catastale dell’abitazione principale

Comment

Approfondimenti

Deduzione della rendita catastale dell’abitazione principale

Nella dichiarazione dei redditi dei fabbricati è possibile effettuare la deduzione della rendita catastale dell’abitazione principale, in questo modo i contribuenti hanno la possibilità di dedurre dalle tasse l’importo della rendita attraverso la presentazione del 730 o del modello Unico. La rendita catastale dell’abitazione principale è deducibile ai fini Irpef e non è detraibile, in quanto attraverso il meccanismo della deduzione il contribuente può usufruire di una riduzione dell’importo del reddito imponibile; in pratica il reddito complessivo subisce una riduzione che influenza alla fine il calcolo del reddito imponibile con lo scopo finale di detrarre le spese sostenute dal contribuente nel corso dell’anno oggetto di indagine fiscale. Nella dichiarazione dei redditi 2018, i soggetti che possono portare a deduzione la rendita catastale dell’immobile relativa alla propria abitazione principale sono le seguenti categorie di contribuenti: il proprietario del bene immobiliare; l’usufruttuario, che rappresenta colui che gode del bene pur non essendo il proprietario del fabbricato; il titolare del diritto reale come ad esempio il diritto di abitazione esercitato dal coniuge superstite o separato, al quale viene assegnato l’immobile dopo il provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio; i familiari entro il terzo grado come figli, genitori, fratelli e sorelle, nonni ed affini entro il secondo grado cognati, suoceri, generi e nuore. Per altre notizie si rimanda alla lettura di: https://www.guidafisco.it/deduzione-abitazione-principale-730-unico-rendita-catastale-1356.

Alcune precisazioni

deduzione della rendita catastale dell'abitazione principale

deduzione della rendita catastale dell’abitazione principale

Per poter beneficiare di questo genere di agevolazione è necessario possedere e rispettare dei precisi requisiti, per cui chi presenta la dichiarazione dei redditi 2018 tramite il modello 730 oppure il modello Unico può dedurre la rendita catastale dell’abitazione principale nel caso in cui possiede la residenza anagrafica ma anche se il bene immobiliare è iscritto oppure iscrivibile nel catasto urbano. Questa deduzione viene calcolata sottraendo dal reddito complessivo la rendita catastale che si attribuisce all’immobile destinato ad abitazione principale, con lo scopo di ridurre l’importo complessivo adoperato per determinare le imposte sul reddito.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verifica CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.